Home » Articoli » Apnea Magazine: un 2014 da ricordare

Apnea Magazine: un 2014 da ricordare

| 31 dicembre 2014 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 2    Media Voto: 5/5]

Esattamente un anno fa ci accingevamo a mettere online l’ultima versione di Apnea Magazine al termine di un periodo segnato da molte difficoltà. Il nostro proposito di rilanciare efficacemente il nostro centro di informazione indipendente, online dal lontano marzo 2001, si è tradotto in una nuova e più potente infrastruttura, un nuovo layout responsive, adatto cioè ai diversi dispositivi desktop e mobile, un rinnovato impegno editoriale e, last but not least, una gestione più assidua dei principali canali social (Facebook, Youtube e Google+), opportunamente integrati con il portale. Il Forum ha sicuramente conosciuto tempi migliori, ma in parte si tratta di un fenomeno fisiologico: la rete si è evoluta, e quello che risultava uno strumento d’interazione d’avanguardia nel 2001  oggi appare almeno in parte superato dai social media, che consentono un’interazione ad ampio raggio non limitata alla cerchia di amici che condividono la passione per la pesca sub. A nostro giudizio, però, il Forum di Apnea Magazine ha ancora una funzione da svolgere, per questo non abbiamo mancato di aggiornarne il software per favorire comunque un’esperienza di utilizzo ottimale e, chissà, un vero rilancio nel prossimo futuro.

Schermata 2015-12-30 alle 17.29.39

Cosa possiamo dire a distanza di 12 mesi dall’inizio di questo nuovo capitolo dell’esistenza di Apnea Magazine? Che siamo estremamente soddisfatti, quasi increduli di fronte ai risultati ottenuti. La nostra semina è stata molto intensa, ma i frutti non si sono fatti attendere.

Due numeri sul nostro lavoro:

294 nuovi contenuti pubblicati sull’e-zine (articoli, news, video, fotogallery)

33 nuovi video realizzati da Davide Serra in collaborazione con abili pesca sub quali Fabio Bertuccio, Cono Corrado, Francesco Nicotra, Antonio Giunta ed altri

Canale Youtube giunto a 1.000 iscritti e quasi 1 milione di views

+ 13.000 Fan della pagina Facebook, che ha superato i 17.000 like

120.000 visualizzazioni della pagina Google+

+20% lettori, che superano quota 512.000 nel solo 2014

+10% visite, che superano quota 950.000  nel solo 2014

2.600.000 pagine visualizzate nel corso del 2014

Nuovo record assoluto di visite in un singolo giorno: 7.816, in occasione del Campionato di prima categoria 2014. Il precedente record apparteneva al Mondiale di Rovigno, quando AM toccò le 7.059 visite giornaliere durante la seconda giornata.

Nuovo record assoluto di utenti su base annua da quando utilizziamo Google Analytics per tracciare il traffico del sito. Abbiamo registrato un picco di quasi 74.000 utenti unici nel solo mese di agosto 2014 ed un totale di oltre mezzo milione di utenti da oltre 190 paesi nel corso dell’anno:

 

Schermata 2015-12-30 alle 17.07.45

Ci tenevo a rendere pubblicamente conto di questi risultati, in quanto molti tendono ad identificare Apnea Magazine con il forum, che oggettivamente appare molto sottotono rispetto agli anni d’oro, ma che non offre una reale misura del nostro impegno né dell’apprezzamento del sito da parte dell’utenza. Non vi tedio oltre, spero comprenderete la soddisfazione di un team che fra mille difficoltà mantiene in vita con passione una realtà che dal 2001 non ha mai smesso di offrire servizi di informazione, divulgazione e sensibilizzazione nel settore della pesca in apnea e delle discipline dell’apnea in genere.

Passo ai ringraziamenti.

Un sentito ringraziamento va alle aziende sponsor che continuano a rendere possibile la nostra avventura: Cressi, Mares, Omersub, Phatos. Non dimentichiamo gli amici di Acquasport, da sempre legati alla nostra realtà anche da una profonda amicizia. Ringraziamo le molte aziende che ci hanno sostenuto in passato e quelle che anche in tempi recenti hanno mostrato interesse verso il nostro portale, auspicando che nel prossimo futuro possano tornare o iniziare a sostenere questo progetto.

Un grande, immenso ringraziamento va a tutti i collaboratori dello Staff, a partire dall’infaticabile Davide Serra, vero pilastro del team, e dall’inossidabile Salvatore Rubera. Seguono in ordine sparso: Simone Belloni Pasquinelli, Mauro Sanvito, Emanuele Cinelli, Barbara Pignataro, Alberto Balbi, Nicola Negrello, Massimiliano Volpe, Cono Corrado, Fabio Bertuccio, Fabio Fiori, Roberto Borra, Giuseppe Fasone, Valentina Prokic, Luca Limongi, Luca Santi, Marco Brognoli e tutti coloro che in qualche modo ci hanno aiutato ad offrire un servizio migliore.

Il grazie finale, quello più impellente, però, va a tutti voi lettori e utenti. I numeri qui sopra offrono una misura del vostro affetto e del vostro apprezzamento per il nostro lavoro e sono la molla principale che ci spinge a proseguire sulla strada intrapresa ormai quasi quattordici anni fa.

Prima di chiudere, mi perdonerete anche una piccola notazione peperina: nel corso degli anni molti ci hanno considerato amici, altri nemici…. qualcuno prima amici e poi, dopo la pubblicazione di qualche contenuto  indigesto, nemici…. ma Apnea Magazine è da sempre un fenomeno di informazione indipendente e libero esercizio del diritto di critica, vogliamo giocare a fare i giornalisti e non gli amici o i nemici di questo o quello. Visto che ne facciamo tante, è evidente che alla distanza sbavature ed errori non possono mancare, ma sulla buona fede non accettiamo insinuazioni, anche perché a ben vedere, a turno la nostra voce dell’insolenza ha irritato praticamente un po’ tutti :-)

Il 2015 sarà un nuovo anno di sfide che ci vedrà ancora presenti con una nostra postazione all’Eudi Show, dove ovviamente vi aspettiamo. Non mancheranno sorprese e novità, così come non verranno meno le nostre attenzioni al mondo dell’agonismo e la nostra sensibilità verso tutti i temi legati alla tutela del Mare e dei diritti della categoria.

Buon anno a tutti, che il 2015 sia ricco di soddisfazioni e intense emozioni nel blu per tutti noi.

Apnea Magazine: un 2014 da ricordare scritto da Giorgio Volpe media voto 5/5 - 2 voti utenti

Tags:

Category: Articoli, Editoriali

Leave a Reply