Home » News » News Pesca in Apnea » A Strasburgo la biodiversita’ in primo piano

A Strasburgo la biodiversita’ in primo piano

| 19 marzo 2006 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

La continua perdita di biodiversità preoccupa il Parlamento Europeo che chiede di agire in modo più determinato alla Commissione e agli Stati membri. La biodiversità marina deve essere protetta e i deputati chiedono anche di esaminare la possibilità di vietare la pesca a strascico.

La Convenzione ONU sulla diversità biologica(CBD) ha convenuto di ridurre significativamente il tasso di perdita della biodiversità entro il 2010, quindi per il parlamento occorre “accelerare il passo” per realizzare tale obiettivo tenendone conto nella politica di aiuti e sviluppo dell´UE e migliorando “seriamente” l’attuazione delle direttive comunitarie sugli uccelli selvatici, sugli habitat e sulla rete Natura 2000.

Devono essere sviluppati indicatori della biodiversità, la cui applicazione effettiva “è ostacolata dalla mancanza di informazioni coerenti sull´efficacia delle misure già prese” e dalla difficoltà di presentare dati sullo stato delle biodiversità.

Da notare che la FIPSAS come Associazione di Protezione Ambientale ha la possibilità di attivare i propri tesserati al fine di svolgere un’appropriata azione di monitoraggio dei fondali e delle specie. Un ruolo particolare e non ancora ben valutato lo potrebbero svolgere i pescatori in apnea, che per l’elevata tipicità della disciplina potrebbero essere d’aiuto ai biologi marini nella raccolta dati.

Category: News, News Pesca in Apnea

Leave a Reply