Home » Articoli » A Ragusa la seconda selettiva di tirosub: pochi ma buoni!

A Ragusa la seconda selettiva di tirosub: pochi ma buoni!

| 23 febbraio 2011 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Come ogni anno siamo giunti, in quest’occasione il 20 Febbraio, ad una delle classiche del tiro al bersaglio subacqueo siciliano, la selettiva organizzata nella piscina comunale del capoluogo ibleo dal Water World Ragusa dell’intramontabile Giovanni Scapellato, che oltre ad essere un atleta di altissimo livello dimostra sempre di saperci fare alla grande anche in termini organizzativi, lasciando a fine giornata ogni singolo partecipante felice di aver trascorso una splendida giornata di sport e amicizia e di essersi portato a casa qualche utile premio in attrezzatura.

Giovanni Scapellato atleta e organizzatore (foto M. Albano)

Il ritrovo dei partecipanti è fissato alle ore 8.30 alla piscina di Ragusa e purtroppo, come spesso ultimamente accade in Sicilia, non sono in molti gli atleti che hanno deciso di sacrificare la domenica di pesca o in famiglia. Se non altro, a fronte di alcune momentanee defezioni, in questa gara si registreranno gli esordi di alcuni giovani e molto promettenti atleti e la partecipazione, seppur da fuori classifica, di altri atleti che avevano manifestato la voglia di provare questo splendido e avvincente sport. Alla fine gli atleti in vasca saranno quindici, ottimamente assistiti dagli addetti all’organizzazione ormai collaudati da anni.

La giornata come di consueto si apre con le iscrizioni e il briefing tenuto da Giovanni Scapellato; di seguito gli atleti si alternano in acqua per le prove libere che risultano sempre fondamentali per registrare la variazione del tiro che può esserci in una piscina diversa da quella in cui ci si allena solitamente, il che permette agli atleti di correggere adeguatamente la mira per ottenere la massima prestazione in gara, fattore ancor più importante in una piscina “difficile” come quella in cui si è svolta questa gara.

La prima manche di tiro libero si apre subito con in acqua Adriano Argentino dell’ASD Culturale Ocean, molto carico e determinato a portare a casa questa vittoria, ma, stranamente per i suoi standard, il punteggio risulta basso: il campione aretuseo infatti totalizza 1630 punti che non gli fanno superare il 4° posto nella classifica parziale di prima manche, comandata da un altro atleta di elevata esperienza, Enzo Lo Piano del Pianeta Olga Sub 2000, unico atleta catanese a non mollare nonostante non si possa allenare per la mancanza di spazi acqua nella sua città, e che continua a partecipare alle gare con lo stesso spirito di sempre, addirittura anche con lunghe trasferte, e pure in questo caso dimostra la sua classe con un magistrale “1820“, staccando un gruppo di avversari tutti uniti intorno ai 1600 punti.

Adriano Argentino con il roller di Melluzzo (foto M. Albano)

La seconda manche però si apre con l’exploit di Argentino che corregge gli errori della prima, e sfodera un “1980” che gli varrà la seconda vittoria su altrettante gare disputate in stagione, con un punteggio finale di 3610 punti, per poi scappare per un impegno familiare subito dopo. E’ comunque da segnalare la sfortuna che colpisce Lo Piano che vanifica la sua ottima prima manche a causa della rottura di un elastico, ciò nonostante il catanese termina incredibilmente la manche sparando con una gomma quasi totalmente recisa all’altezza di una boccola, con il punteggio di 1485 punti che gli vale la terza piazza e quindi il podio. Al secondo posto, infatti, sale Giovanni Di Martino del Water World Ragusa, anch’egli impegnato nell’organizzazione della gara ma non per questo meno combattivo del solito in acqua, che con due manche regolari totalizza il punteggio di “3340” che gli vale appunto la seconda piazza.

Finito il tiro libero, subito sotto con le staffette. Le squadre in gara sono 3: oltre a quella di casa, infatti, le altre due sono composte da atleti dell’ASD Culturale Ocean, società di nuova affiliazione alla Federazione, presa in mano da un gruppo di atleti del siracusano prima divisi in più società, e che si compone di “vecchie conoscenze” del mondo del tiro e di molti giovani promettenti, per un totale di circa 10 atleti. I componenti del Waterworld Ragusa (Scapellato-Di Martino) scelgono ancora una volta di effettuare la staffetta con i fucili da biathlon, realizzando il tempone, ma senza pungere in termini di punteggio. La vittoria quindi sembra una questione a due tra i due team siracusani e dopo l’insindacabile verdetto del “regolo”, la spunterà di pochissimo la squadra composta da Melluzzo, Gibilisco e Aliffi (1891 punti), che superano i loro compagni di team, Damiata, Alessi, Albano (1803 punti).

l Team Ocean con il bottino giornaliero

Infine è la volta del biathlon, sicuramente la più spettacolare delle tre specialità, che vede in acqua a darsi battaglia il “solito” trio Scapellato-Melluzzo-Albano. I primi due finiscono insieme nell’ultima batteria, dando vita ad un bel duello, dove la spunta Roberto Melluzzo con 4 bersagli validi in 82 secondi, mentre Giovanni Scapellato, un po’ sottotono, sbaglia anch’esso un tiro terminando la sua prova in 98 secondi. Nelle batterie precedenti però, due atleti, Marco Albano e Giovanni Di Martino, avevano piazzato i 5 centri rispettivamente con i tempi di 86 secondi e 121 secondi, piazzandosi quindi al primo e al secondo posto, e relegando Melluzzo sul gradino più basso del podio.

Marco Albano vincitore nel biathlon

Strategica la scelta del vincitore di non forzare troppo il tempo, causa non ottime condizioni fisiche, per privilegiare la lucidità in fase di sparo, opportunismo che gli vale la seconda vittoria stagionale. Da segnalare la prestazione dell’esordiente Giuseppe Spirio dell’ASD Culturale Ocean, che dopo solo alcune prove in allenamento sotto la guida dei suoi più esperti compagni di team, dimostra alla sua prima esperienza di poter in futuro competere, con il giusto allenamento sui tiri e sulla tecnica, per obbiettivi prestigiosi con una prestazione fisica eccelsa, 78 secondi infatti il tempo registrato dal giovane atleta siracusano, con una facilità a dir poco strabiliante.

In conclusione, la premiazione degli atleti vittoriosi, che vede purtroppo l’assenza di Argentino, e il sorteggio dei premi in attrezzatura messi a disposizione dall’organizzazione, che alla fine risulteranno anche più del numero degli stessi atleti, lasciando tutti contenti.

La carovana a questo punto si trasferisce in un agriturismo per un terzo tempo degno di una vera cerimonia, splendida conclusione di una giornata di sano sport, amicizia e leale competizione.

Classifiche

ASD Culturale Ocean 1 vincitore della staffetta

Tiro Libero

1) Argentino Adriano (ASD Culturale Ocean) 3610 punti

2) Di Martino Giovanni (Water World) 3340 punti
3) Lo Piano Enzo Pianeta (Olga Sub 2000) 3305 punti
4) Albano Marco (ASD Culturale Ocean) 3210 punti
5) Damiata Daniele (ASD Culturale Ocean) 3195 punti

6) Scapellato Giovanni (Wayer World 3090) punti

7) Alessi Sebastiano (ASD Culturale Ocean) 3040 punti
8) Melluzzo Roberto (ASD Culturale Ocean) 2960 punti
9) Gibilisco Daniele (ASD Culturale Ocean) 2955 punti

10) Aliffi Federico (ASD Culturale Ocean) 2820 punti
11) Spirio Giuseppe (ASD Culturale Ocean) 2155 punti

Biathlon

1) Albano Marco (ASD Culturale Ocean) 5 centri in 86 sec
2) Di Martino Giovanni (Water World) 5 centri in 121 sec
3) Melluzzo Roberto ASD (Culturale Ocean) 4 centri in 82 sec
4) Scapellato Giovanni (Water World) 4 centri in 98 sec

5) Lo Piano Enzo Pianeta (Olga Sub 2000) 4 centri in 108 sec
6) Damiata Daniele (ASD Culturale Ocean) 2 centri in 108 sec
7) Spirio Giuseppe (ASD Culturale Ocean) 1 centro in 78 sec
8) Alessi Sebastiano (ASD Culturale Ocean) ritirato
9) Aliffi Federico (ASD Culturale Ocean) ritirato
10) Argentino Adriano (ASD Culturale Ocean) ritirato
11) Gibilisco Daniele (ASD Culturale Ocean) ritirato

Stafette

1) ASD Culturale Ocean 1 (Melluzzo, Gibilisco, Aliffi) 1891 punti
2) ASD Culturale Ocean 2 (Damiata, Alessi, Albano) 1803 punti
3) Water World (Scapellato, Di Martino) 1235 punti

Category: Altre discipline, Articoli, Tiro al Bersaglio Subacqueo

Leave a Reply