Home » Articoli » A Giovanni Di Martino e Maja Fichera il X° Trofeo CSA Ortigia

A Giovanni Di Martino e Maja Fichera il X° Trofeo CSA Ortigia

| 17 aprile 2005 | 0 Comments
Trovi questo articolo informativo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]


Alcuni dei partecipanti

Domenica 10 aprile: una giornata quasi invernale ed un impianto non all’altezza della sua fama hanno fatto da cornice ad una grande festa per il tiro a segno subacqueo.

Sul bordo della vasca olimpica della Cittadella dello Sport di Siracusa si sono dati appuntamento per disputare la quarta selettiva regionale ben 26 atleti provenienti dalle province di Trapani, Ragusa, Catania e Siracusa.

Da qualche settimana, infatti, la già nutrita schiera dei tiratori siciliani si è arricchita delle nuove leve della ASD Delphinus di Augusta; proprio dalla neonata società è arrivata una gradita sorpresa, Rossella Terranova, arrivata con l’obiettivo di pungolare Maja Fichera, fino ad ora unica atleta donna a livello regionale.

Giovanni Di Martino

Mentre vengono predisposte le 4 linee di tiro ci si rende immediatamente conto che, purtroppo, le condizioni dell’impianto sono veramente al limite: l’acqua si presenta molto torbida, dalla linea di partenza non si riescono a vedere i bersagli e arrivati sul pedagno la visibilità è appena sufficiente per poter disputare la gara. Ne risentiranno in modo sensibile i punteggi.

In previsione dei numerosi partecipanti, la società ospitante aveva già provveduto a definire le varie batterie, per cercare di evitare un eccessivo prolungarsi della manifestazione, anche per rispetto delle esigente degli atleti giunti da più lontano.

Dopo le rituali operazioni di iscrizione, ha inizio la fase di riscaldamento, con gli atleti suddivisi in tre gruppi che si alternano in vasca per mettere a punto le attrezzature, ma soprattutto la mira.

Grazie all’ottima organizzazione, le varie batterie scorrono velocemente e Antonio Tripi, presidente del CSA Ortigia, si occupa di riportare i punteggi sulle classifiche.

Considerate le condizioni dell’acqua, i risultati si mantengono abbastanza bassi, anche se non mancano alcuni punteggi intorno ai 1.500.

Da sinistra: Argentino, Di Martino, Savatta

Quando arriva il bersaglio di Giovanni Di Martino sono in parecchi a rimanere sbalorditi; nelle precedenti selettive, infatti, il campione italiano in carica di biathlon non ha ottenuto risultati di particolare rilievo. I suoi 1.600 punti in condizioni precarie dimostrano invece che, dopo un periodo di appannamento dovuto forse anche al cambio di fucile, il campione è tornato.

Al termine della manche lo seguono Argentino, Savatta, Lo Piano e Scapellato.

Nel settore femminile sfortunato l’esordio di Rossella Terranova che, troppo affaticata, non è riuscita a completare la manche malgrado l’incitamento di Maja Fichera, lieta per aver finalmente trovato un’avversaria con cui confrontarsi direttamente.

Nessuna pausa tra le due manche e si ricomincia subito a tirare.

Ancora una volta Di Martino si dimostra il migliore, concludendo la seconda prova con un punteggio ancora più alto della prima: 1.700 punti.

Rossella Terranova, a sinistra, e Maja Fichera

Alle sue spalle Adriano Argentino che dimostra la sua grande regolarità in questa stagione che lo ha visto vincitore a Trapani e gia secondo a Ragusa.

Ricco di suspence il confronto per l’ultimo posto sul podio; Luca Savatta paga 15 secondi di penalità ma riesce lo stesso a conquistare il terzo posto per soli 5 punti sul solito Scapellato.

La classifica femminile vede invece Maja Fichera davanti a Rossella Terranova.

Alla staffetta partecipano ben sette squadre, nello spirito sportivo che ha contraddistinto tutte le selettive fin qui disputate vengono infatti ammesse due squadre per le società in grado di schierare più di 6 atleti.

Anche questa volta la gara finisce con la vittoria del CSA Ortigia composta dai soliti Melluzzo, che non aveva preso parte alla prova individuale, Argentino e Brunetti con il punteggio di 2.045 in 2’45’; al secondo posto i catanesi Vizzini e Lo Piano del Pianeta Olga Sub 2000 (1.757, 2’41’), terzo il Team Professional Sub di Scapellato e Di Martino (1.746, 2’28’).

La staffetta vincente: Argentino, Brunetti, Melluzzo

Prima della premiazione ufficiale vengono sorteggiati i numerosi premi messi a disposizione dagli sponsor.

Il rinfresco che conclude la manifestazione si svolge molto velocemente; il pomeriggio ormai inoltrato e l’appetito degli atleti hanno in breve tempo la meglio sulla gran quantità di cannoli messi a disposizione dall’organizzazione.

Le foto di rito, i complimenti, i commenti, la grande cordialità fanno da cornice agli ultimi scampoli di questa nuova giornata di sana competizione sportiva.

Per visualizzare la classifica in formato Excel, clicca qui.

Category: Altre discipline, Articoli, Tiro al Bersaglio Subacqueo

Leave a Reply